SICUREZZA IN QUOTA

IMECO SAFETY È L'AZIENDA N.1 IN ITALIA PER LA FORNITURA, IL NOLEGGIO E L'INSTALLAZIONE DI SISTEMI ANTICADUTA, LINEE VITA E RETI ANTICADUTA FISSE E MOBILI CHE PROGETTA ED ESEGUE INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA IN TUTTA ITALIA E EUROPA.

Home News News

APRILE 2014

L'Asl di Bergamo ha emesso un comunicato in cui chiarisce l'ordinanza 3274 del 20 marzo 2003 che prevede l'obbligo di procedere, a cura dei proprietari, alla valutazione della vulnerabilità sisimica sia degli edifici esistenti la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile, che degli edifici che possono assumere rilevanza in erlazione alle conseguenze di un eventuale collass, tra i quali rientrano anche quelli dove viene esercitata l'attività della vostra impresa.

 

L'Asl chiarisce che, le condizioni di legittimità nell'uso degli immobili non rappresentano uno standard sufficiente di sicurezza, a meno che il fabbricato non sia stato costruito con criteri antisismici.

E' quindi indispensabile, in particolare per le aziende operanti in capannoni industriali prefabbricati, verificare se gli edifici siano stati costruiti con caratteristiche atte a garantirne stabilità e resistenza, integrando il Documento di Valutazione Rischi.

 

Una volta individuate eventuali vulnerabilità dell'edificio, e gli interventi necessari alla loro eliminazione, il datore di lavoro è tenuto a provvedere ad effettuarli il prima possibile per eliminare le criticità che possano pregiudicare la sicurezza e la salute dei lavoratori.

 

Gli interventi dovranno essere pianificati ed inseriti nel programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza allegato al DVR aziendale al fine di consentire di ottenere un livello di rischio accettabile.

 

PDF documento Asl Bergamo

 

 

GENNAIO 2014

L'Inail finanzia in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura.

I fondi a disposizione: sono resi disponibili 307,359 milioni di euro con il Bando Isi 2013. Il contributo, pari al 65% dell’investimento, per un massimo di 130.000 euro, viene erogato dopo la verifica tecnico-amministrativa e la realizzazione del progetto. 

Scadenze: dal 21 gennaio all’8 aprile 2014 si può inserire online il proprio progetto. Se le caratteristiche del progetto sono in linea con quelle richieste dal bando, è possibile partecipare alla fase successiva di invio telematico della domanda. I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di arrivo. 

 

Bando ISI 2013

 

 

GENNAIO 2014

VENETO: Bur n.52 del 21/06/2013: delibera della giunta regionale n. 884 del 04 giugno 2013 per un bando per l'avvio di finanziamenti per indagini di microzonazione sismica, e per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico relativo a costruzioni pubbliche e private, incluse attività produttive.

 

Il sisma in Emilia Romagna del maggio 2012, che ha colpito anche il territorio del Veneto, ha evidenziato notevoli danni ai capannoni industriali, appare quindi necessario destinare una quota delle risorse, pari al 20 %, ai soli edifici ospitanti le attività commerciali, artigianali e produttive.

E' noto come, negli edifici ospitanti tali attività, sviluppati in genere su un unico piano, le caratteristiche strutturali denotano spesso la mancanza di continuità strutturale, grandi luci, e quindi la teorica scarsa resistenza ad importanti azioni orizzontali.

 

L'entità dei contributi prevista per la Regione Veneto, risulta così qualificabile:

  • 500.000,00 € per indagini di microzonazione sisimica 
  • 7.000.000,00 € per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico 

Delibera Giunta Regionale n.884 del 04 giugno 2013

 

 

GENNAIO 2014

Sono state prorogate al 31 Dicembre 2014 le nuove detrazioni fiscali Irpef e Ires al 65% per gli interventi antisismici sull’abitazione principale o sulle costruzioni adibite alle attività produttive. Nel 2015 il bonus scenderà al 50%.

 

 

SETTEMBRE 2013

Con il decreto legge 4 giugno 2013 n.63, coordinato con la legge di conversione 3 agosto 2013 n.90, si definiscono gli incentivi selettivi di carattere strutturale, da adottare entro il 31/12/13, finalizzati a favorire la realizzazione di interventi per il miglioramento (ADEGUAMENTO SISMICO) e la messa in sicurezza degli edifici esistenti.

 

Classificazione sismica dei comuni italiani

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 6